Sto diventando adrenalina-dipendente

Questo weekend ne ho combinata un’altra delle mie.

Per chi non lo sapesse, c’era il salone del mobile a Milano. E il bello di questa manifestazione non si trova certo negli stand della fiera. E’ in centro, in zona Brera o Tortona, dove dall’ora dell’aperitivo fino a notte inoltrata le strade si trasformano in un fantastico fiume umano. Si beve, si mangia, si chiacchiera e si conosce gente mentre esplori uffici e negozi trasformati in gallerie di arte moderna.

Quindi perché no, venerdì sera decido di portarci la mia bella. Ora, sono anni che ho rinunciato alla follia di cercare percheggio in centro, quindi cosa fa nostro provincialotto? Va a parcheggiare a Lampugnano e prende la metropolitana. Unico dettaglio: La metro chiude all’una di notte. E i nostri ovviamente riescono a  districarsi dal groviglio umano e raggiungere l’ingresso della metro appena dopo la partenza dell’ultimo treno…. va beh, prendiamo un taxi per il parcheggio.. tanto mica chiude di notte? E’ tutto automatico! E invece anche il parcheggio chiude all’una.

E adesso sei a Milano e devi aspettare le 6 per riscattare la macchina. E gli alberghi, dal 5 stelle che tanto non ti puoi permettere all’ostello di periferia sono tutti pieni. E il taxi per tornare a casa costerebbe 140 euro! E ovviamente non conosci nessuno che ti possa ospitare. E intanto sono le 2 di notte e i bar stanno chiudendo…

Ci sono alcune situazioni che ti mettono direttamente al confronto con le tue paure e insicurezze, siano queste più o meno giustificate. Questa era una di quelle situazioni.

Ero lì, che sudavo freddo e pensavo il mio solito oddioeadessocheccazzofaccio e nel frattempo rassicuravo la ragazza (e anche un po’ me stesso) che sarebbe andato tutto bene. Senza fare trasparire una goccia di ansia, ovviamente, perché l’Uomo deve comportarsi da tale.

E alla fine, vaffanculo, è andato veramente tutto bene. Il direttore di un ostello ha acconsentito ad ospitarci per la notte (in sala mensa, perché ovviamente tutti i letti erano occupati). E alle 6:30, ancora stanchi e assonnati, ma terribilmente sollevati, eravamo in autostrada in direzione casa.

La cosa che mi colpisce è che adesso, pensando a venerdì notte, sono quasi contento che sia successo quello che è successo. Quella sensazione, la gelida scossa di adrenalina che mi percorreva la schiena una volta realizzato che eravamo abbandonati a noi stessi, seguita dal sospiro di sollievo quando le cose hanno iniziato a riaggiustarsi… Sono questi i momenti in cui ti senti veramente vivo. Sono sensazioni che danno dipendenza.

E adesso mi trovo a fantasticare su quali altre situazioni spaventose o ansiogene posso sperimentare per mettermi alla prova. E dimostrare a me stesso che non mi manca niente, e ho la capacità di affrontare tutto. E improvvisamente, l’idea di approcciare una ragazza per strada o in un locale e fare una figuraccia o venire rifiutato sembra molto più divertente di una volta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...