I comandamenti di Roissy

Dal suo chateau sul web, l’americano Roissy dispensa da anni perle di saggezza ed aspre considerazioni sulla realtà dell’interazione tra i sessi. Quelle che seguono sono le sedici regole , i suoi “sedici comandamenti” che dovrebbero guidare l’uomo alfa nelle sue interazioni con il gentil sesso.

Testo di Roissy, traduzione mia.

***

I. Non dire mai “Ti amo” per primo

Le donne vogliono avere la sensazione di superare degli ostacoli per vincere il cuore del loro uomo. Non sanno resistere alla sfida di catturare l’interesse di un uomo per il quale sono in competizione con altre rivali, fino a prevalere sulla sua riluttanza di premiarle con il suo interesse esclusivo. L’uomo che dà via troppo facilmente il suo cuore deruba la donna della soddisfazione di guadagnarsi il suo amore. Nonostante tu sia innamorato, non dirlo prima di lei. Mostra un compassionevole controllo per il suo bisogno di lottare. Ispirala a fare il salto per te, e lei ti ritornerà il favore mille volte.

II. Falla ingelosire

Flirta con altre donne davanti a lei. Non dissuadere le altre donne dal flirtare con te. Loro non lo ammetteranno mai, ma la gelosia le eccita. Il pensiero altre donne ti trovano attraente le stimola sessualmente. Nessuna ragazza vuole un uomo che non è desiderato da nessun’altra donna. Il partner che comanda i venti tempestosi della gelosia controlla la direzione della relazione.

III. La tua missione, non la tua donna, dovrà essere la tua priorità

Dimentica tutti quei cliché romantici dell’uomo che proclama il suo eterno amore per la donna che lo completa. Nonostante qualsiasi pretesa del contrario, le donne non vogliono essere il centro dell’esistenza di un uomo. Al contrario, vogliono essere subordinate allo scopo della vita di un uomo meritevole, per aiutarlo con il loro supporto femminile e seguire il percorso che lui delinea. Devi rispettare l’integrità della donna e non mentire dicendo che lei “è tutto per te”. Non lo è, e se lo è presto non lo sarà più.

IV. Non giocare secondo le sue regole

Se permetti ad una donna di decidere le regole lei ti risentirà con una forza che non dedicherebbe nemmeno ad uno stupratore. Sia la donna più forte che la femminista più convinta vogliono essere guidate da, e sottomesse a, un uomo ancora più forte. La polarità sta al nocciolo di una sana relazione amorosa. Lei non vuole la prerogativa di dettare il buono ed il cattivo tempo con i suoi capricci ed i suoi sbalzi di umore. Le sue emozioni sono un uragano, la sua anima un sabotatore. Pensa a te stesso come un baluardo contro la sua tempesta. Quando si aggrappa ad una colonna per resistere al risucchio dei venti o necessita di una figura autoritaria per mascherare i suoi peggiori istinti, tu devi essere li… Forte, solido, stabile, immobile.

V. Segui la proporzione aurea

Dai alla tua donna 2/3 di quanto li da a te. Per ogni tre chiamate o messaggi, rispondi con due. Tre dichiarazioni di amore ne guadagnano due. Tre regali, due sere fuori. Dalle due dimostrazioni d’amore e fermati finche non ha risposto con altre tre. Quando lei parla, rispondi con meno parole. Quando lei si emoziona, tu emozionati meno. L’idea alla base della  proporzione aurea è doppia – stabilisce il tuo maggior valore facendo in modo che sia lei ad inseguirti, e dimostra che hai l’autodisciplina per evitare di essere travolto dai suoi drammi personali. Resistere dal reciprocare tutto quello che fa per te in egual misura instilla in lei la corretta attitudine di consapevolezza del tuo maggiore valore. Che è, in fondo, proprio quello che lei desidera veramente.

VI. Lasciala immaginare

Fedeli alla loro imperscrutabile natura, le donne fanno domande alle quali non vogliono una risposta diretta. Povero l’uomo che gioca direttamente – il suo fato sarà la sofferenza del beta. Evadi, stuzzica, offusca. Lei prospera quando deve immaginare cosa pensi di lei, e recede quando sa esattamente quello che provi. Una donna vorrà anche sicurezza finanziaria e familiare, ma non vuole sicurezza nella passione. Alla stessa maniera, quando fa qualcosa di spiacevole, punisci immediatamente, ma quando fa qualcosa di buono, premiala lentamente. Premia il suo buon comportamento ad intermittenza e imprevedibilmente e lei non sarà mai stanca di lavorare sodo per compiacerti.

VII. Tienine sempre due nel sacco

Non permetterti mai di essere un “uomo occupato”. Un uomo con opzioni è un uomo senza bisogno. E’ più facile essere sfacciato con le altre donne quando disponi di una rete di sicurezza, pronta a raccoglierti se per caso scivoli e rischi una rottura, divorzio o la perdita di un potenziale, e quindi un periodo di solitudine. Una donna sa che una volta che ha dormito con un uomo ha abdicato una parte del suo potere, e che quando se ne è innamorata l’ha perso quasi tutto. Ma l’amore è effimero e col tempo lei potrebbe riscoprire il suo potere e minacciare di lasciati. E’ la sua mossa finale. Ritirare tutto il suo amore ed il suo corpo in un istante ti distruggerà l’anima se sarai costretto ad affacciarti all’abisso da solo. Sapere che ha un’altra alla quale ti puoi rivolgere per tuoi bisogni affettivi fortificherà la tua volontà e soddisferà la tua mascolinità.

VIII. Chiedi scusa solo quando è strettamente necessario.

Non chiedere scusa per ogni cosa sbagliata che fai. E’ una postura di sottomissione che nessun uomo dovrebbero adottare di riflesso, indipendentemente da quanto alfa sia. Scusarsi aumenta la richiesta di più scuse.  Lei inizierà ad aspettarsi il tuo pentimento, come un gatto si aspetta un pasto ogni giorno. E a quel punto, il tuo valore diminuirà ai suoi occhi. Invece, se hai fatto qualcosa di sbagliato, dovresti riconoscere la tua colpa con leggerezza, senza ricorrere a parole come “scusa” o “colpa”. Fai una manovra alla Bill Clinton e dì che “Sono stati commessi degli errori” oppure dille che “ti dispiace” per quello che hai fatto. Hai solo due “scusa” da usare gratuitamente nella vita della tua relazione; usali saggiamente.

IX. Connetti con le sue emozioni.

Distinguiti dagli altri uomini e connettiti al paesaggio emozionale di una donna. La sua mente è un mondo alieno che richiede un’attenta navigazione per raggiungere i tuoi punti chiave. Sguazza nel mare delle emozioni invece che nell’arido deserto della logica. Sii giocoso. Utilizza tutti i tuoi sensi. Descrivi con dettagliata ricchezza scenari che infiammano Il cuore. Dai ai tuoi sentimenti la libertà di vagare. VAGARE. Si, questa è una buona parola. Tu stai VAGANDO dappertutto, e la porti in un’avventura. In questo mondo, non c’è bisogno di finire i tuoi pensieri o raggiungere conclusioni. C’è solo bisogno di godere dell’ESPERIENZA. Tu la stai prendendo per mano e state correndo in un labirintico corridoio senza fine, ridendo e lasciando che le vostre dita scivolino sulle pietre dei muri lungo la strada.

X. Ignora la sua bellezza

L’uomo che allena la sua mente a controllare i centri del piacere del cervello quando è al cospetto di una bel viso femminile trasformerà magicamente le sue interazioni con le donne. La sua apprensione e tensione si scioglieranno, lastricando la strada verso un’interazione più onesta e controllata con l’oggetto del suo desiderio. Questa è una delle ragioni per cui i più grandi seduttori ottengono più amore di quello che riescono a gestire – grazie alle numerose esperienze con così tante belle donne perdono la loro venerazione della bellezza e, di conseguenza, la loro impotenza di fronte ad essa.Ti sarà d’aiuto acquisire la giusta mentalità in modo da smettere di usare le parole bella, carina, meravigliosa, ecc per descrivere le ragazze che ti piacciono. Invece, dì a te stesso “è interessante” o “varrebbe la pena di conoscerla”. Non complimentare mai una ragazza per il suo aspetto, specialmente se non te la stai già scopando. Spegni quella parte del tuo cervello che vuole metterla sul piedistallo. Il tipo di allenamento avanzato per raggiungere questo stato di trascendenza Zen consiste nel portarsi a letto MOLTE donne attraenti (cerca di evitare di dormire con molte donne brutte per non regredire). Presto, un amante Jedi sarai.

XI.  Sii irrazionalmente sicuro di te

Non importa la tua posizione nella vita, attraversa il mondo senza chiedere scusa. Non importa se oggettivamente non sei l’uomo migliore che una donna può ottenere; ciò che importa è che tu pensi di esserlo. Le donne hanno un istinto innato per scoprire le debolezze nell’uomo: non renderglielo ancora più facile. L’autostima, garantita o no, stimola risposte emozionali sottomissive nelle donne. Un’autostima irrazionale ti porterà più figa che un razionale pessimismo.

XII.  Massimizza le tue forze, minimizza le tue debolezze

Nel miglioramento di noi stessi come uomini attraiamo le donne nella nostra orbita. Per compiere questo risucchio gravitazionale nel modo meno doloroso e più efficiente possibile, devi identificare i tuoi doni e le tue mancanze naturali e centellinare i tuoi sforzi di seguito. Se sei un talentuoso umorista, non perdere tempo ed energie cercando di aumentare il tuo status in dibattiti filosofici. Se sai scrivere bene ma ballare male, non ammazzarti per cercare di spargere la tua influenza mascolina sulla pista da ballo. Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di attirare le donne senza sforzo, per cui sfrutta le tue abilita indipendentemente da quelle che sono: ci sono groupie per ogni attività maschile. Eccetto World of Warcraft.

XIII. Sii troppo sfacciato piuttosto che troppo poco

Toccare una donna in modo inappropriato durante il primo appuntamento ti porterà più avanti con lei che non toccarla del tutto. Non lasciare che la sua finta indignazione alla tua faccia tosta ti svii, lei segretamente adora quando un uomo persegue aggressivamente ciò che vuole e rende le sue intenzioni sessuali conosciute. Non devi essere uno stronzo, ma se non hai scelta, essere un grandissimo stronzo batte essere un beta educato, tutte le volte.

XIV. Scopala bene

Scopala come se fosse la tua ultima volta. E la sua. Scopala così bene, così forte, con così tanta passione che tutto ciò che rimane di lei sia un ammasso di carne tremolante e fluidi sessuali. Svuotala di tutto, e poi svuotala ancora in po’. Baciala dappertutto, facci l’amore tutta la notte, e abbracciala stretta la mattina. Possiedi il suo corpo, la sua gratitudine, il suo amore. Se non sai come, impara a regalarle orgasmi torrenziali.

XV. Mantieni il tuo autocontrollo

Sei una quercia. Non sarai manipolato da pianti, urla, bugie, giochi mentali, sottrazioni del sesso, trame di gelosia, scene pietose, shit tests, comportamenti caldo/freddo caldo/freddo, sparizioni o sensi di colpa. Lei pioverà e fulminerà tutto intorno a te e tu la riparerai finche la tempesta non sarà passata. Le non ti sradicherà e non ti trascinerà nel suo caos. Quando hai padronanza di te, avrai padronanza anche di lei.

XVI.  Non avere mai paura di perderla

Non devi avere paura. La paura uccide l’amore. La paura è la piccola morte che porta con sé la solitudine totale. Guarderai in faccia la tua paura. Permetterai che ti calpesti e ti attraversi. E quando sarà passata, ti girerai verso la tua compagna, e rimarrà solo il tuo cuore. Te ne andrai da lei quando viola la tua integrità, e lascierai che se ne vada quando il suo cuore sarà chiuso a te. La donna che ti può distruggere, ti controlla. Non darle quel potere. Ama te stesso prima di amare lei.

Più seguirai alla lettera questi comandamenti, più sarà facile trovare e mantenere il vero, sincero e incondizionale amore e la felicità nella tua vita.

[Articolo originale: The Sixteen Commandments of Poon]

Esempio di comportamento beta

Per caso capito su questo articolo de “il giornale” (le virgolette sono d’obbligo).
Vale la veramente la pena di leggerlo, in quanto è il perfetto esempio del ragionamento dell’uomo beta.
L’articolo non è nient’altro che un breve riassunto del libro di Stefano Zecchi, il cui titolo potrebbe tranquillamente essere lamentele di un uomo beta. Tra l’altro lo stesso Zecchi è anche l’autore dell’articolo/recensione… Ma si sa che da quelle parti, il conflitto di interessi non esiste 🙂

Ma veniamo al contenuto dell’articolo. L’autore parte da un concetto sacrosanto, e cioè che ad un bambino, per crescere, servono entrambi i genitori: nello specifico, non è sufficiente solo l’intervento materno ma anche la figura del padre è di primaria importanza perché il figlio sappia farsi un’idea di cosa significa essere uomo.

Dopo poche righe però il testo si trasforma in una sorta di piagnisteo contro le cattivissime mamme che “vogliono fare tutto loro” compreso il ruolo paterno, ad esempio prendendo le decisioni principali in famiglia e comandando il marito a bacchetta.

Perché dico che questo sfogo sia un esempio del ragionamento beta? Innanzitutto perché ci troviamo di fronte ad un uomo che sostiene di non essere in grado di imporre la propria volontà alla compagna. Inoltre è evidente che l’autore non giudica gli uomini persone in grado di decidere del proprio destino, ma dei semplici pupazzi in balia degli eventi esterni: una tesi che qualsiasi uomo alfa rifiuterebbe a piè pari. Ricordate una delle caratteristiche salienti dell’uomo beta?

[…]Razionalizza il suo insuccesso con le donne (e nella vita) attribuendolo ad elementi al di fuori del suo controllo[…]

Parole sante, Roosh. Parole sante.

Ma proviamo ad analizzare i punti salienti del testo:

C’è però un luogo pubblico in cui si riconosce immediatamente il mammo: il supermercato. È impossibile non identificarlo:lo vedete un po’ curvo spingere faticosamente il carrello della spesa come il condannato ai lavori forzati spinge la carriola piena di pietre che ha appena finito di spaccare con le sue nude mani. Davanti a lui la mogliemadre impettita, sicura di sé, incede con passo ardimentoso, afferrando dallo scaffale di destra il pacco di pannolini, da quello di sinistra la confezione di omogeneizzati. Li getta nel carrello senza neppure voltarsi per vedere dove vanno a finire, perché tanto sa che il marito è esattamente un passo dietro a lei. Il mammo procede spingendo il carrello pesante, con lo sguardo vago, assente.

Siamo d’accordo Stefano, la visione di una tale dimostrazione di comportamento beta è a dir poco vomitevole. Ma come proponi di migliorare la situazione?

La madre, oggi, deve saper fare un passo indietro: sia lei a spingere il carrello della spesa e lasci (suggerisca, invogli) il marito a giocare con il figlio, perché gli trasmetta la sua maschilità e quella rappresentazione della vita che gli consentirà la formazione di un’identità precisa.

No, non ci siamo proprio. La madre fare un passo indietro? Difficile. Ella riempie semplicemente gli spazi lasciati vuoti dal rammollito del marito. Finché non sarà lui a cambiare (a fare un passo avanti!), la dinamica di coppia non può cambiare.

Come farebbe il padre dell’esempio a trasmettere la propria mascolinità al figlio quando lui stesso non ne possiede un briciolo? Il bambino a questo punto ha maggiori opportunità di impararla dalla madre!

Se il tizio avesse anche solo un accenno di testosterone nel sangue, non aspetterebbe certo che sia la donna a “concedergli” di passare del tempo col figlio secondo i propri termini. Lo pretenderebbe. O più probabilmente lo darebbe per scontato, e la semplice idea di chiedere alla moglie di fare un passo indietro lo farebbe sbellicare dalle risate.

Questo non perché il maschio alfa sia necessariamente prepotente o violento, anzi. Semplicemente egli sa di essere il principale responsabile del proprio destino, e sa benissimo che pretendere che siano gli altri a cambiare o addirittura a “cambiarci” è l’atteggiamento di chi non otterrà mai nulla dalla vita.

Si potrebbe anche tranquillamente assumere che il maschio alfa in questa situazione non ci si ritroverebbe proprio perché avrebbe con la compagna un tipo di rapporto decisamente diverso da quello descritto nella scena del supermercato di prima.

Come diceva saggiamente qualcuno, chi è causa del proprio male pianga sé stesso.

Alfa e Beta

Un concetto fondamentale nello studio della natura umana, specialmente quando ci interessiamo di seduzione, è la distinzione tra il maschio alfa e quello beta. Una volta capita la differenza, cercheremo sempre più di avvicinarci al modello Alfa e di allontanarci dalle nostre abitudini Beta. Questo non solo ci farà avere maggiore successo nelle nostre relazioni col gentil sesso, ma ci farà guadagnare maggiore soddisfazione nella nostra vita

Quella che segue è la definizione di maschio Alfa  e Beta, come descritta nel libro di Roosh, “Bang”.

Se avete mai guardato il Discovery Channel, probabilmente vi sarà capitato di vedere un documentario sui gorilla che mostra come il maschio dominante si cimenti in diversi atti sessuali con le femmine, seguito da riprese che mostano i gorilla beta che si masturbano in un angolo. Nel mondo delle scimmie, la dominanza del maschio alfa dipende dalla sua stazza, un tratto in base al quale le femmine effettuano la loro selezione. (se lo stesso fosse vero negli umani, gli unici a fare sesso sarebbero i palestrati). I maschi beta invece accettano la propria bassa posizione finche non sono pronti a prendere un rischio, sfidando il maschio alfa o creando una propria tribù.

La gerarchia alfa/beta non è molto diversa negli umani. I maschi beta accettano la loro posizione di inferiorità e lasciano che siano i maschi alfa a trombare la maggior parte delle donne desiderabili finche non sono pronti a mettersi al lavoro per diventare a loro volta alfa. Quando gli uomini vivevano in tribù, non c’erano libri o strumenti per imparare la psicologia, il comportamento e la seduzione. Se eri beta al momento della pubertà, saresti probabilmente rimasto beta a vita. Ma ora che il corretto comportamento e la giusta attitudine sono stati identificati e studiati, è molto più facile per l’uomo di oggi diventare alfa.

Diamo innanzitutto un’occhiata al maschio beta medio. Il principale tratto che lo definisce è la paura di inseguire ciò che desidera. Non vuole farlo perché pensa di non essere capace di ottenere ciò che vuole. Si preoccupa dei bisogni degli altri prima dei suoi. Accetta in silenzio di non essere rispettato. Cerca la propria identità in aree scorrelate con la sua mascolinità, come il suo lavoro alla scrivania. E’ passivo a letto e aspetta un permesso prima di aumentare l’intimità. Razionalizza il suo insuccesso con le donne (e nella vita) attribuendolo ad elementi al di fuori del suo controllo. Crede che il modo migliore per avere successo con le donne sia essere incredibilmente bello ed avere un sacco di soldi.

Il maschio alfa, d’altro canto, vive molto diversamente. Innanzitutto, fa sempre ciò che vuole. Non si preoccupa di rifiuti personali o fallimento sociale. I suoi bisogni, volontà e sentimenti vengono prima di quelli di chiunque altro. Non esistono giudizi, occhiataccie, o risate altrui che possano fermarlo dall’ottenere ciò che vuole. Non chiede il permesso. Se vuole fare sesso con una ragazza, usa la sua conoscenza e le sue abilità per fare in modo che succeda. Le sue azioni nascono dal desiderio invece che dall’insicurezza.

Il maschio alfa non si qualifica. Non spiega i suoi difetti ed i suoi fallimenti. Accetta sé stesso, in un modo o nell’altro. Non si vanta dei propri successi. Non ha bisogno di essere validato da una donna perché sa che lei non può dargli ciò che egli non può dare a sé stesso. Critiche e complimenti hanno solo un effetto temporano su di lui perché egli ha già accettato i suoi punti di forza e le sue debolezze.

Il maschio alfa non si cura di ciò che gli altri pensano di lui. Si presenta nel modo che lo fa sentire più comodo. Si interessa a qualcosa perché gli piace e gli si addice, non per essere trendy o perché è qualcosa che “dovrebbe” fare. Non si guarda allo specchio ogni dieci minuti per sistemarsi i capelli. Non si preoccupa di farsi finte abbronzature o depilazioni.

Il maschio alfa non chiede scusa per essere un uomo che ha bisogni sessuali. Non nasconde le proprie intenzioni con le donne, in modo che sappiano come fornirgli ciò che lui vuole. Se una donna non è a proprio agio con l’idea di fare sesso, egli ne trova una che lo sia. Non ha intenzione di aspettare che una donna serva i suoi bisogni. Non si preoccupa se una donna lo rifiuta a letto – se non lo ottiene da lei, lo otterrà da un’altra. Come essere sessuale, pretende che le donne lo siano altrettanto con lui.

Il maschio alfa vive nella propria realtà. Dirige l’interazione nel modo che preferisce controllando il ritmo e iniziando l’escalazione sessuale. Crede che sia nella natura della donna di sottomettersi ad un uomo forte. Capisce che se non si preoccupa lui dei suoi bisogni, neanche una ragazza lo farà. Non lascia che sia la donna a controllare l’interazione perché sa che il risultato sarà che lei otterrà ciò che vuole (attenzione e validazione) alle sue spese.

Il maschio alfa ha grosse aspettative dalle sue donne. Non fa qualcosa di carino senza aspettarsi di ottenere qualcosa. Pretende che una ragazza che meriti la sua attenzione sia fisicamente attraente, interessante e sessualmente sicura. Se una ragazza gli dice che sarà disposta a fare sesso solo dopo mesi di corteggiamento, non la seguirà. Rende chiaro che non è su questa terra per rifornirle di alcool e cibo gratis. Tutto ciò che lei ottiene da lui deve guadagnarselo.

E, cosa più importante di tutte, il maschio alfa è sempre disposto ad andarsene. Il suo potere sulle donne risiede nel tempo e nelle energie che egli sceglie di spendere con loro. Capisce che questa mentalità sarà notata dalle donne che incotra, e che come risultato loro lo tratteranno con cura e rispetto. Egli rende chiaro, controllando la quatità di attenzione che dà, che non è disposto a tollerare un atteggiamento irrispettoso o frigido. Se a lei non piace la sua attitudine, è libera di trovare qualcun’altro che la sopporti, perché lui sa che ci sono tante altre donne che sanno come comportarsi. Non importa quanto lavoro ha investito in una donna, egli non esiterà a lasciarla se lei non risponde nella giusta maniera.

“E’ bellissima”

Ah, essere l’unico single in una compagnia di amici fidanzati.

L’altra sera esco con una coppia di amici, li chiameremo Paolo e Francesca.

“Dai, vieni con noi alla festa della birra, che ci divertiamo” mi dice lui al telefono. “E poi ci sono in giro anche le colleghe della Fra (che fa l’infermiera, ndr.)”

Detto fatto, in tempo zero sono lavato, sbarbato, vestito e pronto a giocare una bella partita con quelche sexy-infermierina.

Arriviamo alla festa, ci sediamo ad un tavolo a caso e cominciamo a chiacchierare del più e del meno tra un boccale di birra e un panino con la salamella, mentre sul palco il gruppo comincia a suonare vari gloriosi classici del rock: Pink Floyd, Deep Purple, Hendrix.

Inevitabilmente, la conversazione arriva al punto saliente: “Fra, ma quando arrivano le tue amiche?” chiedo. “Appena staccano dal lavoro ci raggiungono” mi fa lei, e poi aggiuge: “E c’è anche la Giulia, la mia collega preferita. E anche lei è single! E poi vedrai, è bellissima. Ha un viso dolcissimo e un carattere stupendo. Certo è un po’ sovrappeso, ma è proprio bellissima. Sicuramente la più bella del reparto!!”

Ora, io ho un paio teorie a proposito delle amiche delle ragazze degli amici, che tristemente non smettono mai di verificarsi corrette.

Punto 1, la fidanzata dell’amico ha questo tipo di rapporti di amicizia, dal più probabile al meno probabile:

  • Non ha amiche
  • Non ha amiche single
  • Non ha amiche single fighe
  • Ha amiche single, anche fighe, ma non lo saprai mai perché non te le farà mai conoscere. Nel caso improbabile che te le faccia conoscere si sentirà in dovere di informarti che quelle fighe sono proprio delle stronze, delle zoccole e trattano male tutti i ragazzi ed è meglio perderle che trovarle.

Punto 2, quando una ragazza (qualsiasi) parlandoti di una sua amica ti dice che è bellissima, simpaticissima e bravissima, al 99.9998% sta per presentarti un cesso inenarrabile.

A questo punto, dopo avere sentito cantare le lodi della bellissima Giulia per un buon quarto d’ora, penso bene di andare a procurarmi un’altra birra per avere almeno un conforto alcolico a cui aggrapparmi durante l’imminente catastrofe.

E come volevasi dimostrare, nel giro di dieci minuti viene avvistata una balena bianca all’orizzonte. E chi può essere se non la bellissima Giulia?

Una sosia di Giulia

Si, tranne l’intimo leopardato era proprio uguale.

Grazie di esistere, amata birra. Tu che sei delizioso nettare degli Dei. Tu che mi aiuti nei momenti più difficili.

A parte gli scherzi, il peggio non è stato certo conoscere la povera infermiera sovrappeso. Ci mancherebbe, nonostante il mio interesse fosse pari a zero abbiamo comunque trascorso una bella serata scherzando e ridendo in compagnia. Sono una persona a modo, io 🙂

Il peggio, dicevo, è stato a fine serata, quando dopo avere salutato la balena Giulia, Paolo e Francesca hanno voluto soddisfare la propria curiosità:

“Allora, ti piace la Giulia?” mi chiedono all’unisono.

“No.”

“Ma come no? E’ bellissima! Ha un viso stupendo! E’ in cerca di un uomo! Come fa a non piacerti???”

“Guarda, se dimagrisse di 20-30 chili magari sarebbe veramente carina. Ma così com’è, proprio non ci siamo. E poi ha 34 anni… se non è dimagrita fino ad oggi, mi sa che ci sono poche speranze.”

Inutile dire che sono stato processato per direttissima dal tribunale della gente perbene e che sono stato giudicato colpevole di stronzaggine e superficialità.

Dovrei accontentarmi, mi dicono. Magari è grassa solo perché è sola e una volta fidanzata dimagrirebbe.  E poi è così dolce e brava. Certo è un po’ sovrappeso. Certo è più vecchia di te. Ma sei perfetto tu?

Fosse stata la prima volte che mi trovavo in una situazione del genere, avrei speso un sacco di tempo provando a spiegare che chi si accontenta non gode. Che una persona così sovrappeso ha dei problemi gravi anche a livello psicologico oltre che fisico. Che è naturale che gli uomini diano più importanza all’aspetto fisico. Che solo la settimana prima mi avevano visto assieme ad una gran bella figa.

Ma sono stanco di ripetere sempre le stesse cose a chi non mi vuole ascoltare perché ha ragione. Mi sono limitato a rispondere con un “Beh, a me non piace, punto.”. E grazie a Dio poi abbiamo cambiato argomento.

Sto diventando adrenalina-dipendente

Questo weekend ne ho combinata un’altra delle mie.

Per chi non lo sapesse, c’era il salone del mobile a Milano. E il bello di questa manifestazione non si trova certo negli stand della fiera. E’ in centro, in zona Brera o Tortona, dove dall’ora dell’aperitivo fino a notte inoltrata le strade si trasformano in un fantastico fiume umano. Si beve, si mangia, si chiacchiera e si conosce gente mentre esplori uffici e negozi trasformati in gallerie di arte moderna.

Quindi perché no, venerdì sera decido di portarci la mia bella. Ora, sono anni che ho rinunciato alla follia di cercare percheggio in centro, quindi cosa fa nostro provincialotto? Va a parcheggiare a Lampugnano e prende la metropolitana. Unico dettaglio: La metro chiude all’una di notte. E i nostri ovviamente riescono a  districarsi dal groviglio umano e raggiungere l’ingresso della metro appena dopo la partenza dell’ultimo treno…. va beh, prendiamo un taxi per il parcheggio.. tanto mica chiude di notte? E’ tutto automatico! E invece anche il parcheggio chiude all’una.

E adesso sei a Milano e devi aspettare le 6 per riscattare la macchina. E gli alberghi, dal 5 stelle che tanto non ti puoi permettere all’ostello di periferia sono tutti pieni. E il taxi per tornare a casa costerebbe 140 euro! E ovviamente non conosci nessuno che ti possa ospitare. E intanto sono le 2 di notte e i bar stanno chiudendo…

Ci sono alcune situazioni che ti mettono direttamente al confronto con le tue paure e insicurezze, siano queste più o meno giustificate. Questa era una di quelle situazioni.

Ero lì, che sudavo freddo e pensavo il mio solito oddioeadessocheccazzofaccio e nel frattempo rassicuravo la ragazza (e anche un po’ me stesso) che sarebbe andato tutto bene. Senza fare trasparire una goccia di ansia, ovviamente, perché l’Uomo deve comportarsi da tale.

E alla fine, vaffanculo, è andato veramente tutto bene. Il direttore di un ostello ha acconsentito ad ospitarci per la notte (in sala mensa, perché ovviamente tutti i letti erano occupati). E alle 6:30, ancora stanchi e assonnati, ma terribilmente sollevati, eravamo in autostrada in direzione casa.

La cosa che mi colpisce è che adesso, pensando a venerdì notte, sono quasi contento che sia successo quello che è successo. Quella sensazione, la gelida scossa di adrenalina che mi percorreva la schiena una volta realizzato che eravamo abbandonati a noi stessi, seguita dal sospiro di sollievo quando le cose hanno iniziato a riaggiustarsi… Sono questi i momenti in cui ti senti veramente vivo. Sono sensazioni che danno dipendenza.

E adesso mi trovo a fantasticare su quali altre situazioni spaventose o ansiogene posso sperimentare per mettermi alla prova. E dimostrare a me stesso che non mi manca niente, e ho la capacità di affrontare tutto. E improvvisamente, l’idea di approcciare una ragazza per strada o in un locale e fare una figuraccia o venire rifiutato sembra molto più divertente di una volta.

Siamo automi, siamo Dei

Il cane di Pavlov, illustrazione

Ultimamente mi viene spesso da pensare al famoso esperimento del cane di Pavlov. Per chi non sapesse di cosa si tratta,  riassumo brevissimamente:

Ivan Pavlov, un importante scienziato russo, stava studiando la regolazione delle ghiandole digestive. In particolare, era interessato al fenomeno della “secrezione psichica”: notò infatti che mostrando il cibo ad un animale, questo cominciava a salivare e che non appena lo stimolo visivo venisse tolto smetteva.

In un esperimento successivo che divenne poi celebre come “Il cane di Pavlov”, lo scienziato cominciò a suonare un campanello prima di dare il cibo al proprio cane. All’inizio, la salivazione dell’animale si verificava solo al momento della presentazione del cibo, ma dopo qualche tempo il cane cominciava a salivare non appena sentisse suonare il campanello.

Il cane quindi era stato condizionato a rispondere con una reazione fisica (salivare) ad uno stimolo esterno non direttamente collegato al cibo (il suono del campanello).

Questo importantissimo esperimento è valso a Pavlov il Nobel nel 1904.

Le conclusioni che possiamo trarre da questo esperimento sono abbastanza evidenti, ma permettetemi il ruolo di capitan-ovvio:  il condizionamento non è limitato solo agli animali, anzi. Come esseri umani abbiamo il più sofisticato sistema di condizionamento presente in natura.

Questo sistema è talmente integrato nella nostra realtà che nemmeno ci accorgiamo della sua presenza e dei suoi effetti.

Esattamente come il cane di Pavlov viene addestrato a salivare al solo sentire il tintinnio della campanella, anche noi abbiamo imparato fin dai primi anni della nostra vita ad associare cause a risposte secondo quanto dettato dai modelli della nostra società. Abbiamo imparato che in alcune situazioni dobbiamo arrabbiarci, in altre sentirci frustrati, preoccuparci oppure ancora sentirci bene ed essere felici, ecc…

Un’intera branca della psicologia moderna sostiene che i nostri comportamenti non sono nient’altro che le risposte che abbiamo imparato a dare ai vari stimoli esterni. I comportamentalisti accaniti sostengono che la nostra vita è una infinita serie di stimoli e reazioni, fino al giorno della morte. In pratica siamo degli automi, completamente prevedibili a patto di conoscere quali associazioni abbiamo nella nostra mente. In questa visione, il libero arbitrio è ridotto ad una pia illusione.

Personalmente credo che questa lettura del comportamento umano sia un po’ troppo semplicistica. Credo che il libero arbitrio sia proprio la caratteristica che ci definisce dagli animali. Ma – e qui viene il bello – credo che sia un diritto che esercitiamo molto raramente.

Credo che viviamo la maggior parte delle nostre ore di veglia con il “pilota automatico” acceso.  Non che questo sia necessariamente una brutta cosa: sarebbe estenuante valutare consciamente ogni piccola decisione della nostra giornata. E sarebbe ancora più estenuante monitorare ogni nostra sensazione o sentimento alla ricerca delle motivazioni nascoste per cui ci sentiamo annoiati o di buon umore. E c’è anche da dire che molto del condizionamento che abbiamo imparato è perfettamente valido e utile. (Ad esempio, siamo condizionati ad essere un po’ ansiosi prima di attraversare la strada se sentiamo il rombo di un’auto in lontananza. Questo ci permette di fermarci e controllare se sta effettivamente arrivando una macchina, potenzialmente salvandoci la vita!)

Attenzione però, perché il pilota automatico è perfettamente in grado di guidare per anni senza ricevere alcun intervento. E così ci ritroviamo un bel giorno in ufficio e scopriamo che sono già 10 anni che stiamo tutti i giorni in un posto che non ci piace a fare un lavoro che odiamo in modo da poterci permettere roba che non ci serve. E in quel singolo momento di illuminazione, finalmente ci chiediamo “Perché?” e sentiamo un nodo stringersi allo stomaco.

Ed è a quel punto che ci si presentano due scelte.

La prima è anche la più facile: tornare al comodo posto di passeggero e lasciare che il pilota automatico continui a guidare. “Certo” ci diciamo, “la mia vita non sarà perfetta, ma che ci posso fare? E poi tutti fanno come me. E devo finire di pagare il mutuo e alle 20 c’è chi vuole essere milionario su canale 5. Magari ci ripenso quando ho un po’ più di tempo.” E andremo avanti a vivere senza troppi pensieri e ogni tanto sentiremo più forte quel morso allo stomaco (che lui sì, è sempre lì) e allora ci concederemo una nuova TV o una nuova auto nella speranza di placare quel senso di vuoto.

Ma esiste sempre un’alternativa. Possiamo per una volta saltare al posto di guida, prenderci le nostre responsabilità e cominciare a decidere coscientemente che cosa fare della nostra vita. Sarà difficile e faticoso, ma possiamo affrontare di petto anni di programmazione inefficiente inflitta al nostro cervello e decidere quali saranno le nostre nuove reazioni agli stimoli che ci arrivano di giorno in giorno. Una delle cose migliori che possiamo fare, ad esempio, è decidere di essere felici sempre, e non in risposta a questo o quel successo.

Perché in fondo come esseri umani abbiamo la capacità di scegliere, di sognare, di ragionare. Ed è un peccato non usarla.

La società del sesso

Viviamo in una società ossessionata dal sesso. Ecco un argomento che è sempre sulla bocca di tutti, a dai pochi che lo condannano ai moltissimi che lo desiderano.

Sesso, sesso, sesso. Ascoltate una conversazione tra miei coetanei (25-30) e sembra che lo scopo della vita sia fare sesso con il maggior numero di persone per il maggior numero di volte possibile. E ovviamente bisogna farlo non solo bene, ma in modo “professionale”, quasi si fosse ai provini di qualche film porno.

E poi invece ti capita di avere una storia di (quasi) solo sesso con una ragazza stupenda. E diventi l’idolo dei tuoi amici. Improvvisamente sei quello che ce l’ha fatta, quello che “tu si che vai bene”, quello che “vorrei essere io al tuo posto”.

E senti che dovresti essere al settimo cielo. Dovresti sentirti un dio. Perchè in fondo sei un uomo, e si sa che per i maschietti il sesso senza conseguenze è il top.

E invece ti senti uno schifo, mentre te ne torni a casa alle 4 di notte di un giorno qualsiasi dopo una serata di passione. Perchè sì, il sesso è bello, divertente, stimolante… ma tu vuoi di più. Vuoi sentire il cuore battere a mille per lei. Vorresti tanto credere di essere il suo primo pensiero la mattina e l’ultimo la sera. Vorresti davvero non pensare di essere semplicemente il corpo caldo più vicino al suo letto.

Perchè in fondo credi che il sesso sia solo una frazione dell’intero, una rotella dell’ingranaggio e non il fine ultimo della tua vita.  Che ci sono cose più importanti, come ad esempio *gasp* i sentimenti.

Ma forse sono strano io. Forse sono solo un rammollito sentimentale. Forse sono stato rovinato da anni di lavaggio del cervello da parte di commedie romantiche e canzoni sdolcinate. Ma che ci posso fare… oggi mi va così.

Magari tra qualche tempo leggerò questo post e me ne vergognerò. Per ora mi viene solo in mente il detto:

Attento a ciò che chiedi. Potresti riceverlo.

Botta e risposta

Lei – Guarda che sono una ragazza indipendente io!
Io – Certo, ci mancherebbe. Infatti puoi dire di si in modo totalmente indipendente.

Lei (esagerando)– Sono grassa…
Io (pizzico sui fianchi) – Si, guarda tutta questa ciccia! Sei fortunata che mi piacciono le ciccione!

Lei – Cucini tu?
Io – Mi usi solo per cibo e sesso… Il sesso è gratis, ma se io cucino tu lavi i piatti!

Adoro il nuovo me 😉

Chi ti sta consigliando?

3333838079_7d8c50b9e8_o

foto: Intimate domo by Armand Agasi

L’abbiamo sentita tutti quella voce nelle nostre teste. Quella voce che ci parla attraverso un morso allo stomaco, ed una sensazione di ansia o addirittura paura.

E’ la voce della nostra insicurezza. Imparare a riconoscerla è fondamentale. Ecco le frasi tipiche che ci sussurra alle orecchie:

Lascia perdere. Non ce la puoi fare, non vale nemmeno la pena di provare.

Non sei abbastanza [simpatico/bello/intelligente/interessante/…]

Cosa penseranno gli altri?

E’ al di fuori della tua portata. Sii più realistico.

Aspetta ad agire. Raccogli ancora un po’ di informazioni, attendi il momento perfetto.

Cosa fare quando il momento si presenta in cui vorremmo fare qualcosa, ma siamo bloccati da questi sentimenti negativi?

Innanzitutto bisogna distinguere se le eccezioni sollevate sono fatti o sono un’interpretazione negativa dei fatti.

Se si tratta di fatti, è sempre possibile cercare una soluzione. Se questa non esiste, allora possiamo tranquillamente lasciare perdere, senza sentirci in colpa.

Ma se si tratta solamente di un’opinione, di un’interpretazione di fatti “neutri”, dobbiamo riconoscerla per quello che è: un moto di insicurezza che cerca proteggerci da un possibile fallimento. E  andare avanti per la nostra strada.

Facciamo un esempio personale: Voglio chiedere ad una ragazza di uscire con me. Immediatamente penso che è troppo impegnata per dedicarmi tempo. Si tratta di un fatto o di un’opinione?

  • Fatto: Supponiamo che mi abbia detto che questa settimana è via per lavoro. La soluzione è abbastanza semplice, chiederò un appuntamento per la settimana prossima.
  • Opinione: Magari invece penso che una ragazza come lei non ha tempo da perdere con un tipo come me. Questa è evidentemente solo un’opinione negativa che scaturisce da una personale insicurezza (non sono degno dell’interesse di una persona speciale). Riconoscendola come tale, possiamo accantonarla. E prendere in mano il telefono 🙂

Sentire la paura ed andare avanti lo stesso

Una volta che ci abituiamo ad agire in questa maniera, due cose cominceranno a capitare:

  • Innanzitutto, cominceremo ad avere successo sia nella vita personale che in quella professionale.
  • In secondo luogo, la paura che prima sentivamo come un dolore devastante, comincerà ad affievolirsi sempre di più, fino a quando la riconosceremo semplicemente come una leggera reazione fisiologica del nostro corpo alle novità.

Uno dei miei obiettivi per questo 2011 è di fare tutti i giorni qualcosa che mi spaventa (nei limiti della legalità e della sicurezza fisica ovviamente 🙂 ). E lasciatemelo dire, funziona.

Sia nella vita personale che in quella professionale sto prendendo più rischi, sto osando, sto dicendo quella parola in più che prima mi rimaneva incastrata sulla lingua. E i risultati non tardano ad arrivare. Anche quando sbaglio clamorosamente, le lezioni che imparo vanno a formare un bagaglio che mi rende giorno per giorno un Uomo maturo, sicuro e felice.

Come “Il Gioco” ha fatto di me una persona migliore

image La storia inizia qualche anno fa.

Girovagando in rete, nella speranza di migliorare il mio inglese, decisi di scaricarmi qualche audiolibro in lingua originale (L’audiolibro è un formato molto popolare nei paesi anglosassoni ma pressoché sconosciuto qui in Italia. Per chi non sapesse cosa sia, ci sono maggiori informazioni qui). Mi imbattei in due titoli che sembravano interessanti:

  • The 4 hour workweek, di Tim Ferris (Inglese, Italiano), un libro molto interessante, del quale parlerò in futuro e
  • The Game, di Neil Strauss (Inglese, Italiano )

Diligentemente ascoltai tutto 4HWW, a volte aiutandomi con la versione PDF per comprendere bene il tutto. The Game, invece, rimase dimenticato in qualche cartella del mio hard disk per diversi mesi, fino al fatidico giorno nel quale ritrovandolo per caso aggiunsi i file MP3 alla mia playlist.

Una storia intrigante

Il libro è il racconto autobiografico di alcuni anni di vita di Neil Strauss, giornalista per il magazine americano Rolling Stones.
Inizia raccontandoci come, seguendo per un anno il tour dei Motley Crue e lavorando gomito a gomito con le celebri rock star, l’autore abbia ricevuto un totale di un bacio: da Tommy Lee ubriaco.

La realizzazione bruciante che neanche avendo a disposizione migliaia di “groupies” era riuscito ad avere una relazione con una donna, lo spinge quindi sulla rete, nei gruppi di discussione e nei forum, per cercare di capire che cosa aveva di sbagliato. Finché non si imbatte nel gruppo di discussione di “Mystery”, un guru della seduzione che elargisce la propria saggezza ad una manciata di lettori. O, come si definisce egli stesso, un Pick Up Artist, o PUA (in italiano potrebbe essere Artista Del Rimorchio).

Mystery sostiene che l’approccio al gentil sesso deve essere considerato alla stregua di un gioco, dove per vincere la partita basta avere la strategia corretta. E in ogni caso, perdere non è mai una  tragedia, ci sono tante altre partite da giocare!

Il libro continua poi descrivendo il percorso che porta un autore impacciato e anche un po’ sfigato a diventare egli stesso un Pick Up Artist di enorme successo.

Galvanizzato dalla lettura, decisi quindi di mettermi al computer e cercare questa Seduction Community nella rete. Magari esisteva veramente, e non si trattava solo dell’invenzione di uno scrittore americano. Beh, con felicità scoprii che non solo esisteva veramente una comunità di gente proprio come me che cercava di migliorare il proprio approccio al mondo femminile, ma che si trattava di un ambiente veramente interessante, fertile di idee e tollerante verso i newbies.

Inutile dire che i gruppi di discussione e i blog dei vari PUA sono diventati da quel giorno parte del mio quotidiano. Mentre l’uomo medio legge le news del giorno sul sito del corriere (o la gazzetta, o qualsiasi altro giornale), le mie pause caffé e tempi morti sono riempiti dalla saggezza dei membri della Seduction Community.

Un mondo inaspettato

Ma di cosa parlano questi curiosi personaggi? Frasi magiche che fanno cadere le mutandine alle signore? Tecniche di ipnosi al limite del legale?

Beh, non proprio. La prima, dura lezione che aspetta l’apprendista seduttore è che non esistono pillole magiche o tecniche infallibili. Nemmeno i più quotati PUA hanno un successo del 100%. Ma non per questo bisogna scoraggiarsi.

Una delle prime cose che apprendiamo è che il gioco viene diviso in due principali settori: l’outer game e l’inner game.

L’outer game è la parte più visibile e facile da capire. Si tratta di tutta la “tecnica”, dall’approccio al caffè della mattina dopo. Che cosa dire, che argomenti proporre, come approcciare un gruppo di sconosciute, come isolare la “preda” dalle amiche o dagli amici per riuscire il giusto livello di intimità. Come toccare, dove toccare, quando toccare, quanto toccare. Esistono una marea di guide, a pagamento e non. La più famosa si chiama “Magic Bullets”, e vale veramente la pena di darle un’occhiata. E’ stata scritta dai seguaci di Mystery, come evoluzione delle tecniche professate dal PUA protagonista di The Game.
Altri si affidano alla Programmazione Neuro-Linguistica (PNL) e la sbandierano come la panacea di tutti i mali.
L’outer game quindi non è nient’altro che una serie di attrezzi che il seduttore deve imparare a maneggiare per riuscire a destreggiarsi nelle varie situazioni.

Discorso diverso per l’inner game. Se lo scopo dell’outer game è cambiare le nostre azioni per ottenere risultati migliori, lo scopo dell’inner game è cambiare il nostro modo di vedere le cose per cambiare le nostre azioni.
Faccio un esempio. Molte delle tecniche dell’outer game funzionano perché ci portano ad imitare passo-passo come un uomo con una smisurata fiducia in sé stesso si comporterebbe in una data situazione (in questo caso, rimorchiare 🙂 ). La funzione dell’inner game invece è quella di aiutare lo studente a raggiungere “naturalmente” uno stato di alta fiducia in sé stesso. In questo modo, si possono abbandonare le tecniche e si può invece affidare semplicemente all’istinto.
Contrariamente all’outer game, non esiste una guida definitiva all’inner game. La motivazione è facilmente comprensibile: l’inner game compete ad un campo di studio che fa scervellare da migliaia di anni filosofi e, più recentemente, psicologi e sociologi. Finché non avremo capito perfettamente come funziona il cervello umano, non potremo scrivere una guida definitiva. E chissà, forse neanche allora.

Sia chiaro, non sto sostenendo che l’inner game sia superiore all’outer game, anzi. Specialmente all’inizio, fa comodo avere una serie di attrezzi da utilizzare al momento del bisogno. E anche chi ha una certa esperienza gode della “rete di sicurezza” offerta da un solido outer game.
Inoltre, per chi arriva da una situazione di bassa autostima, i risultati ottenuti tramite la pratica dell’outer game sono fondamentali per aumentare la fiducia in sé stesso.

In ogni caso, una cosa è certa: il mondo della Seduction Community offre strumenti veramente utili a qualsiasi uomo che abbia lo scopo di migliorare sé stesso.  A volte si tratta di consigli pratici, altre volte invece sono spunti di riflessione anche filosofici.

Molto del materiale che scrivo qui origina proprio da questo viaggio che ho deciso di intraprendere, alla scoperta di me stesso, delle dinamiche sociali e della relazione tra me e gli altri.